Scritti d'una studienti di lingua corsa

Home      Altri scritti
(Lasceti u topu annantu a fot p vede u titulu.)

Marzu 2020


Un mitu anzianu / mudernu ... A Madunuccia

C'era una volta una piccula cit annant' un'isula. Era un portu. In stu portu ghjunghjiani ogni tantu bateddi vinuti da u cuntinenti vicinu, soprattuttu da Ghjenuva, ch sta cit era tinuta l'epica da i ghjinuvesi. Si pudia veda bateddi di marcanzia, bateddi di pesca o di pescatori di perli. Ogni tantu pudia ghjunghja ancu un viaghjatori stragneru.

Di regula i soli bateddi f paura a ghjenti di sta cit erani i bateddi di pirati o di filibustieri. un mumentu datu sti visiti frasturnanti erani duvintati frequenti , c u scopu di pruteghja si, u populu avia custruitu unipochi di torri in bor'di mari. S'eddu spuntava l'urizonti un bateddu nimicu, i cusidetti "torregiani" davani l'alerta l'abitanti aviani u tempu di pigli i pusizioni di difesa o di metta si l'agrottu.

l'epica ch no parlemu c'era din un altru priculu, quiddu di a pestilenza ch divastava i populi, ch tumbava milliaia di cristiani in tuttu u mondu cunisciutu. A noscia piccula cit si sintia specialmenti dannighjevuli ind'u sensu ch sta malatia s'arabbiava in u rughjoni di Ghjenuva scambii c'erani mori.

Ghjustappuntu, un ghjornu u puntu culminanti di 'ssa pesta, paria un bateddu purtendu a bandera di Ghjenuva. U populu si h addunitu prichendu contr' a scala di sta navi. U sgi preti t'h avutu l'idea di metta in anda intornu a citadella una prucissi c a statula di a Madonna. C'erani tutti, ziteddi, anziani, omi, donni, criaturi tinuti in braccia da a mamma. Anu pricatu daretu a statula tinuta annant'u i spaddi di quattru ghjovani musculati.

Fatta fini, versu a fini di u dopumeziornu, ch'ani vistu ? Ani fighjulatu c ochji spalancati mentri ch u ventu giressi di sensu ch u bateddu cus timutu si ni andessi. H fanduniosa a ghjenti, forse n h micca vulsutu dumandassi s' u cambiamentu di u ventu n fussi micca u cambiamentu nurmali in fini di ghjornata.

In ogni casu, da stu tempu, in a noscia piccula cit, festighjeghjani ogni annu u 18 di marzu a Madonna di a Misericordia.



Spustemuci av c un balzu in avanti di pi di tr seculi. Un'altra pestilenza spaventa i populi di tutti i cuntinenti. Si chjama u coronavirus. In altr sintimu ch scoli s chjusi, u trasportu n ci h pi, d'altrondi h pruibitu u viaghju, a ghjenti si teni in casa senza avvicinassi d'altri. Ognunu sta attenti lavassi i mani.

, in stu mentri, ch sintimu? Ch a festa di a Misericordia sia mantinuta. Pensa omu ch a messa a prucessi in l'anori di a Madunuccia putessi alluntan a cuntagioni? n si sa. Parechji ghjorni s discorsi, cuntrasti, presi di pusizioni tr l'autorit di a citt, di u statu di a ghjesia. Fatta fini, a festa quist'annu n si tinar micca.

L'anu dopu, di sicura, s' no ci surtimu, ci ni sar ringrazi a Madunuccia p a salvezza di a cit.

Veni in menta, st'uccasioni, ch a ghjesgia n li piaci micca ubbidiscia l'autorit civili cum' no avemu vistu parechji ghjorni f tr u Vaticanu u guvernu d'Italia. U distaccu tr u statu a ghjesgia vali in i dui sensi ci tenini.




S' v truveti sbagli in stu testu ci vole .